#Freelance’s Mood

Sabato 24 ottobre Acta ha organizzato il Freelance Day in Toolbox, il poliedrico coworking di Torino. Una giornata di incontri, workshop e panel dedicati ai freelance di tutta Italia, con grande partecipazione, e variegata, di liberi professionisti di tutte le età e di tutti i settori.
Un occasione per affrontare i temi che ci toccano più da vicino, discuterne insieme, fare rete. L’approccio è quello di Acta, l’associazione dei freelance, che in uno spazio come quello di Toolbox trova il giusto contesto, favorevole alla condivisione di esperienze e competenze per un beneficio comune.
Acta dal 2004 si preoccupa di dare la giusta rappresentanza ai professionisti del “terziario avanzato”: tutti quei lavoratori autonomi generalmente al di fuori degli Ordini e Albi professionali, accomunati dal rivolgersi a clienti sia pubblici che privati, ma privi di rappresentanza del mondo del lavoro. Da anni Acta si batte con il Governo per richieste di equità, riforme che mirino all’eliminazione di discriminazioni e all’estensione di diritti che dovrebbero essere universali, con un occhio di riguardo al welfare e al fisco.

freelanceday-monopoly

Il FreelanceDay quest’anno è alla seconda edizione, e il successo è stato garantito da una grande partecipazione di freelance provenienti da tutta Italia. Durante tutta la giornata sono stati allestiti dei corner dedicati a consulenze individuali molto accattivanti, ovvero di grande attualità: “DemolitionBio”, “HorrorPictureShow” e “VisualIdentityCheckUp” solo per citarne alcuni, senza dimenticare il sempre affollato “FreelancePsychiatricHelp”.
Nelle sale a disposizione del coworking invece sono stati ambientati i diversi panel e workshop in programma: alcuni nella cucina comune, altri nelle “aule studio/lavoro” generalmente a disposizione dei coworkers stessi. Sono stati toccati gli argomenti più disparati, al fine di informare, discutere e confrontarsi a 360° con un approccio senza barriere.
Dall’orientamento e consigli per i giovani freelance fino alle “istruzioni” su come fare un sito web, come e quanto farsi pagare o come redarre un contratto, passando dall’analisi degli strumenti a disposizione per gestire il tempo, la famiglia e il lavoro stesso.
Un susseguirsi di occasioni di confronto e dibattiti al fine di aggiornarsi e mettersi al riparo dai rischi ma anche dalle riforme, le malattie e i vari inconvenienti nei quali si può imbattere un freelance.
La costituzione italiana afferma che siamo una repubblica fondata sul lavoro, e Acta rivendica tutto il lavoro, non solo quello dipendente: unendo le differenti forme di lavoro indipendente in un’unica rete e andando oltre le organizzazioni per singole professioni.

Diana Montagna

Il #JobsAct per i #Freelance

La legge di stabilità 2016 guarda per la prima volta ai freelance: dopo anni di battaglie sono stati ottenuti alcuni risultati riguardanti la disciplina e la tutela dell’attività professionale e della sfera privata.
I freelance in Italia sono sempre stati considerati dei lavoratori di serie B, con meno tutele e molti più oneri rispetto ai lavoratori dipendenti, finiti nel dimenticatoio de legislatore e dei sindacati. Ora per la prima volta vengono previste norme e agevolazioni dedicate, tanto da parlare del “JobsAct del freelance”.

Freelance1

E’ stata bloccata l’aliquota per i contributi previdenziali degli iscritti alla gestione separata al 27,72%, nell’ottica speranzosa che un giorno possa abbassarsi al 24% come per tutti gli altri, indipendentemente dall’ordine o categoria di appartenenza.
Il Governo intende eliminare quelle discrasie tra il potere contrattuale del professionista e del committente: in primis sarà vietata la rescissione senza preavviso e unilaterale dei contratti senza un adeguato risarcimento, nonché l’introduzione del diritto allo sfruttamento della proprietà intellettuale delle invenzioni.
Oggi i lavoratori autonomi vengono tassati con una aliquota sostitutiva del 15% purché il fatturato resti sotto una certa soglia che cambia a seconda del tipo di attività. Nel caso dei free lance si parla di 15 mila euro l’anno. Il governo vuole aumentare la soglia al di sotto della quale viene applicata l’aliquota sostitutiva del 15%. Nel caso dei free lance si arriverà a 30 mila euro l’anno. Inoltre verrà introdotta un’aliquota agevolata per i primi 5 anni di attività al 5% (sempre per redditi fino al tetto di 30 mila euro). Questo paragrafo l’ho copiato uguale da un articolo del corriere, era scritto troppo bene e nn riuscivo a cambiarlo!
Per la prima volta è stato riconosciuto lo smartworking, concordando con l’Inail una modalità che consente l’assicurazione del lavoratore che opera da casa senza oneri maggiori per l’azienda.
Grandi novità nell’ambito delle tutele. Per quanto riguarda il rispetto dei termini di pagamento ad esempio, alla scadenza dovrebbe scattare automaticamente il risarcimento sin dal primo giorno di ritardo.
Un occhio di riguardo è stato dedicato anche alla sfera privata, perché anche i freelance si ammalano e hanno una famiglia, come tutti i comuni mortali: in caso di malattia grave per oltre 60 giorni possono astenersi dal versamento dei contributi previdenziali, parallelamente all’equiparazione alla degenza ospedaliera dei periodi di degenza domiciliare certificata come conseguenza di malattie gravi.
Inoltre le mamme freelance non avranno più l’obbligo di astensione dal lavoro per poter fruire dell’indennità di maternità, una misura richiesta da anni in quanto discriminante della figura di donna e mamma, che in molti casi si può permettere di portare avanti una gravidanza lavorando senza incorrere in rischi e complicazioni.
Inoltre i congedi parentali dovrebbero essere estesi sino a 6 mesi (attualmente sono 3 mesi) e dovrebbero essere fruibili anche dai papà.
Dal punto di vista delle agevolazioni è stata finalmente prevista l’ eliminazione dei vincoli che impediscono l’accesso dei professionisti autonomi ai bandi pubblici e la deducibilità totale delle spese di formazione, sino ad un massimo di 10.000 euro, senza alcun vicolo di accreditamento, contro la deducibilità al 50% prevista nei precedenti regimi fiscali: grandi discriminanti questi, dell’attività intellettuale e formativa nonché (limitativa) dell’esercizio stesso dell’attività professionale.
Nell’immaginario collettivo si tende sempre a dire e sperare che nella vita non si possa mai peggiorare o retrocedere: augurio di tutti i freelance che anche il Governo la pensi così, e che l’anno prossimo non si debba combattere una battaglia ancora più ardua delle scorse.

Diana Montagna

#Freelance alla riscossa

PARTITE-iVAPer capire come cambierà il mondo delle partite IVA bisogna aspettare la prossima legge di stabilità, che il governo sta preparando in queste settimane.
L’anno scorso si era consumata una battaglia a colpi di tweet tra il governo ed i free lance, ai quali era stata aumentata l’aliquota dell’INPS per chi era iscritto alla gestione separata dal 27 al 33%. Il governo aveva poi fatto marcia indietro, rendendo evidente che era giunto il momento di mettere mano ad un progetto di riordino del settore che non si riducesse alla sola aliquota dei contributi previdenziali. Ed in realtà la questione è decisamente più complessa. Oltre alla previdenza sul tavolo restano le questioni della malattia e della maternità, parte di un sistema di un welfare che per i freelance resta un miraggio. Oppure l’utilizzo di un modello societario per lo svolgimento della prestazione professionale e lavorativa, oppure l’utilizzo di risorse pubbliche tra cui i fondi strutturali, che vengono normalmente impiegati per la formazione della partite IVA iscritte alle Camere di Commercio. Per portare esempi concreti rispetto alla maternità probabilmente va ripensato il requisito dell’astensione dal lavoro, condizione che per un freelance non è praticabile oppure va ampliato, va allungato il periodo di indennità di malattia per coprire eventi gravi che impediscono lo svolgimento dell’ attività di lavoro.

Il jobsAct non ha portato novità nel mondo del lavoro autonomo, ed in effetti non era nato per questo motivo. Di fatto ora servirebbe un nuovo modello basato su innovazioni di carattere fiscale utili a favorire l’autoimprenditoria: in altre parole un regime di aliquote che si attesti al 27%, o addirittura, secondo indiscrezioni al 24%, ed regime fiscale per i contribuenti minimi in grado di ampliare la platea dei beneficiari con condizioni di accesso a quelle in vigore per le attività imprenditoriali.
Tra le questioni aperte ad esempio resta l’impossibilità attuale di dedurre in sede di dichiarazione dei redditi gli investimenti in conoscenza, tra cui le spese per la formazione.
Infine per quanto riguarda le questioni legate al welfare, i provvedimenti messi in atto nel JobsAct, si basano sul modello del lavoro dipendente, che non si applica al mondo complesso del lavoro autonomo.
Il governo e la politica italiana ha la possibilità di colmare una lacuna della legislazione sul mondo del lavoro anacronistica, vista l’evoluzione del mercato in questi anni, che ricorre a competenze flessibili e costantemente aggiornate per lo svolgimento di un numero sempre maggiore di mansioni all’interno del processo aziendale.

Diego Castagno